Ammiano Marcellino
Storie XVI, 10.20
Scosso da queste notizie, [l'imperatore Costanzo] ventinove giorni dopo il suo ingresso a Roma, il 29 maggio [dell'anno 357], partì dall'Urbe e si diresse attraverso Trento a marce forzate verso l'Illirico. [Trad. di M. Caltabiano]
Storie XXIX, 2.22
Un certo Festo di Trento, di nascita bassissima e oscura, […] per decreto dei fati partì per l'Oriente e qui, nell'amministrazione della Siria [nel 365 o nel 368 d. C.] e nell'esercizio delle funzioni di magistermemoriae [nel 369 ca.], lasciò buoni esempi di moderazione e di riserbo; in seguito [fra il 372 e il 378 ] cominciò a governare l'Asia con l'autorità proconsolare […]. [Trad. di M. Caltabiano]
[Oltre che un importante funzionario giunto ai vertici della carriera, il trentino Festo fu anche autore di un Compendio di storia romana dedicato all'imperatore Valente; morì intorno al 380 d. C. Lo menzionano anche: Eunapio, framm. 39; Libanio, Orazioni I, 158-159; Zosimo, Storia Nuova IV, 15.2-3]
Pagine collegate:
Trento - Fra tardo antico e medioevo. (cap. 1)
Trento - Storia della città. (cap. 17)