Floro
Epitome I, 38.11
Dopo avere completamente annientato i Teutoni [nel 102 a. C.], [Gaio Mario] si rivolge contro i Cimbri. Costoro - chi lo crederebbe? - già durante l'inverno […] erano calati in Italia come una valanga dai valichi tridentini. Essi tentarono dapprima di valicare il fiume Adige a nuoto, per la loro stolidità di barbari, e non con un ponte né con delle barche […]
Pagine collegate:
Storia della romanizzazione del territorio. (cap. 3)